scarica il nostro logo come contattarci
  • Gallery

  • Gallery

Newsletter
Email
News

Bando di ammissione di team con idee imprenditoriali innovative nel Contamination Lab di Faenza

10-08-2018
 
E' stato emesso in data odierna il bando in oggetto...

Chiusura estiva uffici

09-08-2018
 
 Gli uffici della Fondazione saranno chiusi dal 13 al 24...

Storia

La Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza è la continuazione ideale e storica della Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza, la cui istituzione fu promossa nella seconda metà del secolo XV dal Beato Bernardino da Feltre, frate minore di San Francesco. Alla sua fondazione cooperarono il Padre Andrea Ronchi di Faenza, il Vescovo Giovan Battista Canonici di Bologna e Astorgio III° Manfredi, Signore della Città. Il denaro occorrente provenne da spontanee offerte di caritatevoli cittadini e da pubbliche questue.
L'atto costitutivo risale al 12 ottobre 1491.
Con atto a rogito notaio Mario Bergamini di Faenza in data 27 dicembre 1991 rep. n. 26763 fasc. n. 6342, la Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza ha scorporato in altra società la propria attività creditizia, in attuazione del progetto di ristrutturazione approvato con Decreto del Ministro del Tesoro n. 436305 del 23 dicembre 1991, divenendo in conseguenza del conferimento e con il patrimonio costituito dalla partecipazione definitivamente ricevuta Fondazione.
Da quella data, la Fondazione opera al servizio del territorio faentino e del suo comprensorio con fini di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, utilizzando i proventi del proprio patrimonio, frutto della laboriosità  delle stesse popolazioni faentine.

L'attività della Fondazione,  ente di natura giuridica privata senza fini di lucro, si svolge principalmente in collaborazione con le organizzazioni della società civile e le istituzioni  presenti  sul territorio faentino, con azioni di sostegno e di aiuto delle varie iniziative proposte, previo attento ascolto dei bisogni emergenti ed  una trasparente valutazione delle proposte stesse avente come unico obiettivo quello di massimizzare il  benessere economico e sociale.

I  settori di attività della Fondazione, ai quali si affianca la tradizionale attività di beneficenza e di tutela ed assistenza delle categorie sociali deboli, sono molteplici e spaziano nei campi dell'arte, della  conservazione e valorizzazione dei beni e delle attività culturali e dei beni ambientali, nonché dell'istruzione e della sanità. A questi, si aggiunge la valorizzazione delle varie espressioni dell'attività di volontariato, nonché il sostegno di iniziative idonee a promuovere direttamente lo sviluppo economico del territorio faentino e la  crescita umana e sociale delle persone.

L'obiettivo che la  Fondazione si prefigge è di accompagnare e sostenere la  Città e il suo territorio nei vari settori di sviluppo; nel contempo, la Fondazione intende proporsi quale interlocutrice qualificata per tutti coloro (organizzazioni  e istituzioni) che perseguono i medesimi obiettivi di sviluppo sociale ed economico, al fine di mobilitare la loro progettualità e risorse.

Nell'operatività la Fondazione privilegia iniziative che adottano criteri di razionalità economica e di funzionalità al miglior soddisfacimento dei bisogni  sociali della collettività.
Nel contempo la Fondazione conferma la tradizionale attività di erogazione come risposta alla pluralità delle esigenze liberamente espresse dalle varie realtà sociali operanti sul territorio.